Crea sito

DSC04602

La villa presenta una forte impronta di stile neoclassico con alcuni elementi postumi di architettura Settecentesca che ne addolciscono l’aspetto. Il fulcro architettonico della villa è il salone ellittico che si presenta anche all’esterno come una sala rotonda al centro dell’edificio. Questa forma unica nel suo genere fu progettata dall’architetto Leopoldo Pollack, si apre sul lato del giardino a lago ed è possibile ammirarla in tutta la sua bellezza lungo la passeggiata pedonale. Qui si concentra il maggiore sforzo decorativo: colonne e lesene in stile dorico sovrastate da un coronamento di statue in pietra arenaria raffiguranti Giove, Giunone, Marte, Venere, Apollo e Nettuno; mentre gli spazi tra le colonne sono ritmati da medaglioni contenenti raffigurazioni di divinità fluviali.
L’ingresso alla villa invece si trova su via Borgovico e si presenta molto monumentale per via della rigorosa simmetria, dall’apertura su tre fornici con pilastri divisori che reggono una balconata e un timpano nella parte superiore. 

The villa has a strong imprint of the neoclassical style of eighteenth-century architecture with some after-effects elements that soften the look. The architectural centerpiece of the villa is the elliptical salon that looks even outdoors as a round room in the center of the building. This unique form of its kind, opens onto the garden to the lake and you can admire it in all its beauty on the pedestrian promenade. Here it is concentrated the largest decorative effort: columns and pilasters in Doric style topped by a crown of sandstone statues of Jupiter, Juno, Mars, Venus, Apollo and Neptune; while the spaces between the columns are punctuated by medallions containing depictions of river gods.
The entrance to the villa on the other hand is located on Via Borgovico and is very monumental because of the strict symmetry, by the opening of three arches with dividing pillars supporting a balcony and a pediment at the top.

DSC04600

DSC05065

DSC05074

L’aspetto architettonico di Villa Saportiti “La Rotonda”
Tagged on: